Materassi a molle

I materassi a molle sono tra i più antichi modelli di materassi esistenti, considerando la sola era moderna. Infatti, si tratta della prima tipologia di materasso mai brevettata, nata in Germania, e tutt’oggi prodotta e venduta, benché ormai si tratti di una categoria di nicchia nel mercato dei materassi, superata da diversi anni ormai dai materassi realizzati in schiume, con metodi più ergonomici, come il lattice o il Memory Foam. Nonostante ciò, i materassi a molle vengono ancora prodotti e largamente venduti: sono ormai anche diventati tra i modelli meno costosi sul mercato, e quindi adatti a chi non ha un elevatissimo budget da spendere per acquistare un materasso. 

Sul sito Materassisulweb.it/ è possibile trovare tutte le tipologie disponibili in commercio per quella grande macro categoria che raggruppa tutti i materassi, come i materassi a molle di cui parliamo in quest’articolo, oltre che un’analisi dettagliata di vantaggi e svantaggi di ogni modello di materasso e i modelli più utili in caso di particolari patologie o disturbi del sonno. Inoltre, il sito raccoglie classifiche e recensioni di tutti i migliori marchi produttori di materassi, con le specifiche ed il parere degli utenti per i modelli migliori. 

I materassi a molle, come dice il nome stesso, contengono una struttura metallica (solitamente acciaio) all’interno composta da una serie di molle, la cui costante elastica è stata calcolata in modo che la molla potesse sostenere in modo corretto il corpo umano durante il riposo, garantendo al materasso una certa percentuale di rigidità o morbidezza a seconda della tipologia di materasso. La parte che circonda questa struttura di molle viene poi riempita e sormontata da un’imbottitura adatta ad isolare le molle all’interno, in modo che non si possano avvertire quando si è sdraiati o seduti sul materasso, visto che altrimenti non ne farebbero un materasso comodo ed adatto al riposo. L’imbottitura è realizzata in modo tale da mantenere il materasso comodo per diversi decenni, dopo i quali si cominceranno a sentire le molle, che a volte potrebbero anche bucare la copertura esterna del materasso e fuoriuscire all’esterno, ed è ovviamente questo il momento in cui è necessario sostituire il proprio materasso con un nuovo modello.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *